Fiart Seawalker 35 e Suzuki DF350: l’accoppiata perfetta per godersi il mare tra performance e consumi ridotti

Quando la tradizione della nautica italiana incontra la tecnologia della casa motoristica giapponese il risultato è garantito. La prova di Fiart Seawalker 35 con due motori Suzuki DF350

4 July 2022 | di Giuseppe Orrù

Barca della tradizione mediterranea italiana e motore di tecnologia giapponese: Fiart Seawalker 35 e Suzuki DF350. Un’accoppiata vincente che permette di godersi il mare, tra spazi molto ampi, performance e consumi ridotti.

Nelle acque di Baia (Napoli), partendo dalla banchina adiacente agli stabilimenti dello storico cantiere partenopeo Fiart, abbiamo potuto provare il Fiart Seawalker 35 motorizzato con due motori Suzuki DF350A, i fuoribordo dotati di un sistema di eliche controrotanti (Suzuki Dual Prop).

FIART SEAWALKER: la barca mediterranea

Il Seawalker 35 è l’entry level dell’omonima linea di walkaround del costruttore campano Fiart, un natante di 9,99 metri, che diventa 11,52 metri fuori tutto per un baglio massimo di 3,82 metri.

Si tratta di un mezzo versatile, adatto sia a un pubblico giovane sia a quello esperto che cerca una barca di facile gestione. Ma, soprattutto, tantissimo spazio in un natante: la plancetta che avvolge i due motori fuoribordo rende infatti la barca ancora più grande, senza richiederne la registrazione. Il resto del lavoro lo hanno fatto i progettisti, con tanto spazio sia in coperta che all’interno.

Sportivo ed elegante nelle sue forme, il Seawalker 35 è una barca “mediterranea”, con spazi esterni che esaltano la libertà di movimento tipica dei walkaround, senza ostacoli intorno agli elementi centrali della coperta, dove si trova la plancia di guida a doppia seduta. Nella configurazione presentata a Baia, a poppa troviamo un comodo prendisole, posizionato subito dietro il mobile cucina completo di lavandino, frigorifero, grill o piano cottura: questo è il cuore della “zona social” della barca, dove riunirsi all’ora dell’aperitivo o del pranzo, con le sedute utilizzabili sia al servizio del tavolo, sia fronte o contro marcia.

La piattaforma di poppa, estesa oltre e attorno ai fuoribordo, è facilmente raggiungibile e, grazie ad un meccanismo idraulico up and down, consente di raggiungere facilmente l’acqua o facilita l’accesso alla banchina. È una sicurezza ulteriore per quando si fa il bagno, dato che crea un ostacolo fisico tra i bagnanti e le eliche. Le configurazioni di prua permettono al cliente di scegliere tra un prendisole o una dinette con tavolo che può abbassarsi ed essere facilmente convertibile in un ampio lettino.

Sottocoperta la superficie per il riposo notturno è stata studiata nei minimi dettagli, con soluzioni di design che consentono di godere di spazi e altezze normalmente impensabili per un’imbarcazione di queste dimensioni. Il Seawalker 35 può ospitare fino a 10 persone, 4 per la notte, offrendo due cabine molto ampie. Il layout interno prevede un open space con letto matrimoniale a prua, locale bagno con box doccia separato e due letti singoli al di sotto del piano di coperta, in corrispondenza della zona di guida. Le rifiniture sono ottime e ogni dettaglio e ben curato.

La gamma Seawalker – dice Giancarlo di Luggo, Ceo di Fiart – offre imbarcazioni pensate per chi ama vivere all’aperto, comode, sportive e veloci, che consentono una navigazione confortevole anche con mare formato ed una manovrabilità ottimale. Tutti gli scafi sono realizzati in infusione, garantendo una maggiore leggerezza, resistenza ed elemento non trascurabile, minore impatto ambientale. La collaborazione con Suzuki, ci consente di ampliare l’offerta di motorizzazioni disponibili per i nostri clienti, che da oggi possono trovare nelle nostre imbarcazioni anche tutta la potenza e l’affidabilità tecnologica della casa motoristica giapponese“.

Rimaniamo in attesa, al prossimo Salone di Cannes, di scoprire il nuovo Fiart P54, firmato da Stefano Pastrovich.

SUZUKI DF350A: The Ultimate Outboard Motor

Top di gamma della famiglia dei fuoribordo Suzuki, il DF350A è un V6 di 4.4 litri capace di erogare ben 350 cv. Dotato del sistema di propulsione #afferrailmare (Suzuki Dual Prop), caratterizzato da una coppia di eliche controrotanti, questo motore è in grado di fornire vantaggi in termini di accelerazione, facilità di governo e stabilità di rotta.

Suzuki per il DF350A ha coniato il nuovo logo “Geki: Parting Seas”, simbolo della passione e dell’impegno continuo degli ingegneri della casa giapponese nel progettare l’ennesima pietra miliare nell’ambito dei propulsori per la nautica. Si tratta, infatti, di uno dei motori tecnologicamente più avanzati sul mercato, con una cubatura di 4.400 cc e un rapporto di compressione di ben 12.0:1, solitamente riservato a unità termiche da competizione e che, grazie a nuovi collettori d’aspirazione e ai doppi iniettori del carburante, non soffre del tipico “effetto collaterale” del battito in testa.

Questa soluzione consente di offrire alla combustione un cospicuo flusso d’aria, adeguato a tutte le situazioni di carico, e renderla allo stesso tempo quanto più pura possibile, cioè priva di residui d’acqua e salsedine grazie al sistema Suzuki Dual Louver, e più fresca, riducendo la temperatura dell’aria di circa 10 gradi rispetto a quella dell’ambiente.

I collettori di aspirazione rendono quindi l’aria più densa permettendo ai due iniettori, di dimensioni compatte, presenti in ogni camera di scoppio, di inviare la benzina ancora più polverizzata, concentrandola al centro della camera, dove la sua presenza è più efficace. Questa caratteristica permette di eliminare il famoso battito in testa e di aumentare la potenza di un altro 3%.

Per sostenere tale potenza, pistoni e bielle sono stati rinforzati. Le teste sono sottoposte allo “shot peening”, un procedimento che ne prevede un bombardamento con pallini metallici al fine di creare delle piccole depressioni che hanno lo scopo di rendere più omogenea, su tutta la superficie, la pressione generata dalla combustione, migliorando l’efficienza e preservandone l’integrità nel tempo.

Per poter ospitare il sistema #afferrailmare (Suzuki Dual Prop), la prima applicazione nel campo dei fuoribordo di un sistema di propulsione a eliche controrotanti sullo stesso asse, piede e scatola degli ingranaggi sono stati completamente ridisegnati, mettendo in risalto parametri di efficienza idrodinamica elevatissimi. #afferrailmare offre vantaggi consistenti in termini di accelerazione, stabilità di rotta, velocità massima e presa nell’acqua.

FIART E SUZUKI: le performance

Disponibile anche con motorizzazioni entrofuoribordo, il Seawalker 35 motorizzato con i due fuoribordo Suzuki DF350A offre il meglio di sé in termini di prestazioni e godibilità.

Nel test drive, l’imbarcazione, grazie alla poderosa spinta dei 700 cv erogati dai due fuoribordo Suzuki installati a poppa, potenza massima installabile per questo motoscafo, ha raggiunto la velocità massima di 40 nodi mentre la velocità di crociera in cui comfort, consumi e prestazioni trovano un perfetto equilibrio, è stata registrata a 32 nodi, con un consumo di 100 l/ora per entrambi i motori. La coppia di DF350A, grazie al sistema a doppia elica, permette inoltre al Seawalker 35 di planare in soli 7 secondi, a beneficio della navigazione dell’armatore e dei suoi ospiti.

La configurazione fuoribordo del Seawalker 35 offre una manovrabilità eccellente, capace di esaltare le doti di una carena che, come da tradizione Fiart, concilia un’ottima tenuta di mare con il piacere di guida, garantendo divertimento puro e sicurezza a tutte le andature.

Siamo felici che Fiart – commenta Paolo Ilariuzzi, direttore di divisione Moto e Marine di Suzuki – abbia apprezzato le doti tecniche e tecnologiche presenti sulla coppia di Suzuki DF350A installati sul Seawalker 35. La collaborazione con una delle eccellenze della nautica italiana ci permette così di offrire un prodotto specificatamente studiato per clienti possessori di imbarcazioni che necessitano di spinta poderosa, accelerazioni immediate ma che desiderano navigare in pieno comfort e sicurezza“.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione