Prevedere il temporale nel Mediterraneo

I temporali sono fenomeni che mettono spesso in difficoltà i naviganti perché diventati sempre più difficili da prevedere

Nella stagione estiva l’energia termica accumulatasi sulla superficie del mare e delle coste rappresenta uno straordinario motore per la formazione dei caratteristici fenomeni temporaleschi. L’esperienza ci insegna che quando vi è un prolungato periodo caldo e soleggiato sul Mediterraneo, generato da un esteso anticiclone a debole gradiente, ovvero con una moderata circolazione dei venti, la temperatura superficiale del mare si alza spesso oltre i 25°C e la temperatura dell’aria sale spesso sopra i 30°C.

In questa situazione di “ristagno” di aria calda e umida, con tempo prevalentemente soleggiato, dominano le brezze costiere, che mitigano parzialmente gli effetti del calore. In questa situazione le condizioni meteo-marine risultano “maneggevoli” ma sappiamo che lo scenario potrebbe cambiare in modo deciso con l’incursione di un fronte freddo o di una linea di instabilità temporalesca.

Nubi frontali temporalesche

Il Mediterraneo in estate è il mare dei temporali e, soprattutto in questi ultimi anni, i temporali sono i fenomeni che più spesso hanno messo in difficoltà i naviganti, perché sono diventati più difficili da prevedere, improvvisi e associati a colpi di vento di straordinaria intensità. Per questo vorrei fornirvi un criterio per poter distinguere e capire l’evoluzione dei fenomeni temporaleschi sul mare e sulle coste. Potremmo suddividere i temporali del Mediterraneo in 3 distinte categorie.

Alessandro Casarino e Danny Vitri, due Senior Forecasters a Navimeteo da tanti anni

I temporali costieri

Potremmo definirli come temporali da “tempo buono”. Si formano lungo le coste, soprattutto nei soleggiati mesi estivi e nelle ore più calde del pomeriggio-sera e si dissolvono la notte. I cumuli si sviluppano verso l’alto come enormi torri, a causa di potenti moti convettivi dovuti al riscaldamento delle coste e al flusso delle brezze di mare. Una volta raggiunto il loro massimo sviluppo sono in grado di scaricare raffiche e precipitazioni alla loro base e nelle zone di prossimità. Si formano spesso in condizioni anticicloniche, non sono preannunciati da marcate variazioni di pressione, sono localizzati e non viaggiano distanti, restano sulla stretta fascia costiera e non sono accompagnati da un significativo aumento del moto ondoso, perché il vento è molto locale.

Temporale sulla costa

I temporali delle linee di instabilità

Quando su una zona di aria calda e umida, a terra o sul mare, vi è un’incursione di aria più fredda, si creano delle linee di instabilità temporalesca, solitamente annunciata dai bollettini o evidenziata con una linea marcata sulle carte meteo. Questi temporali possono viaggiare indifferentemente sulle coste o sul mare e sorprendere le imbarcazioni, specialmente durante un tranquillo ancoraggio in rada, perché possono prodursi anche all’interno di un’area anticiclonica, dove il mare e il vento sono generalmente buoni. Le raffiche e i fenomeni associati, incluse le trombe marine, possono essere molto violenti. Talvolta l’ancoraggio diventa insostenibile e impone ai naviganti, se sorpresi, la scelta di mettersi in maggiore sicurezza riguadagnando il mare aperto, lontano dalla costa.

Il temporale visto dal satellite Eumetsat

I temporali frontali

In questo caso si tratta dell’irruzione di un deciso “flusso” di aria fredda su una zona più calda. In genere il loro arrivo è preannunciato con chiarezza e con anticipo ma il fronte freddo è sospinto dal rinforzo dei venti e dall’aumento dello stato del mare. Il cielo diventa scuro e si copre di cumulonembi su un orizzonte assai esteso. Sono spesso sostenuti da forti venti di burrasca che continuano anche per più giorni. I venti persistono, infatti, anche dopo il fronte, nonostante le schiarite. L’arrivo del fronte freddo è accompagnato da marcate variazioni del valore della pressione, che torna a risalire decisa proprio al passaggio del fronte freddo.

Maestoso cumulonembo – credit Noaa

 

Gianfranco Meggiorin

Argomenti:

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Meteo pratico

Barche a motore plananti e la rotta meteorologica

Il principio che la velocità sia un fattore di sicurezza della navigazione a motore resta valido purché si consideri che la velocità stessa impone, a bordo di un motoryacht, una più accurata valutazione delle condizioni meteo in navigazione e anche in manovra o in caso di scarsa visibilità

Meteo pratico

La comprensione dei modelli meteorologici

Per una previsione meteorologica a lungo termine l'unico strumento è la consultazione dei modelli matematici, complessi programmi di calcolo che descrivono l'evoluzione dei vari parametri fisici dell'atmosfera e degli oceani fino ad un determinato numero di giorni

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione