Il carattere meteo di un Mediterraneo che cambia

Negli anni recenti il Mediterraneo ha manifestato un carattere nuovo e per molti versi sconosciuto

La straordinaria tempesta “Vaia” dell’ottobre 2018, i violenti fenomeni temporaleschi verificatisi in Corsica la scorsa estate, le anomalie meteorologiche di un autunno mite e anticiclonico per lunghi periodi, le più rare perturbazioni di origine atlantica, l’elevata temperatura superficiale del mare e molti altri fattori inducono a pensare che davvero il tempo nel Mediterraneo abbia cambiato carattere. Una tendenza più evidente negli ultimi anni.

Operare nell’ambito dei servizi meteo ed avere un quotidiano dialogo con i vari attori dell’industria marittima permette di avere dei riscontri frequenti e puntuali di quanto stia accadendo. Entrare nel merito dei cambiamenti climatici su scala globale è tema che va approfondito dai climatologi ma prendere atto che negli anni recenti il Mediterraneo abbia manifestato un carattere nuovo e per molti versi sconosciuto è un argomento che dibattono non solo i ricercatori ma anche la “gente di mare”.

Interagendo con i comandanti di yacht e navi, con gli operatori di porti e approdi, con i professionisti dei lavori e trasporti marittimi, ci si rende conto di quanto importante sia oggi la comprensione di questo mutamento in relazione alle decisioni operative che ognuno, nel proprio ambito, deve saper assumere. Anche i più esperti pescatori, che a bordo di un peschereccio sono abituati da sempre a cogliere i segni di un cambiamento del tempo all’orizzonte attraverso la propria sensibilità e capacità osservativa, si dicono sorpresi e in difficoltà.

Per questo motivo, avendo dedicato il mio impegno professionale dapprima alla navigazione e quindi al settore dei servizi meteo per la navigazione, ho pensato di introdurre qui alcuni punti relativi alla comprensione del tempo sul Mediterraneo che meritano certamente di essere approfonditi.

Le temperature estreme della superficie del Mar Mediterraneo – Credit: European Union, Copernicus Marine Environment Monitoring Service

Con un meteo che cambia cambiano le tecniche della navigazione meteorologica

Se il meteo si comporta in modo anomalo, inevitabilmente si devono adattare le tecniche e le decisioni di navigazione meteorologica. L’esperienza ha insegnato quali siano le rotte e i ridossi più sicuri in base ai flussi dei venti dominanti come il Maestrale, il Libeccio, lo Scirocco e gli altri venti del Mediterraneo. L’arrivo di una burrasca, grazie ai modelli meteorologici e ai bollettini sempre più dettagliati, è in genere ben “fotografata” dai diversi centri meteorologici.

L’alternanza tra i sistemi di tempo perturbato e le condizioni maneggevoli è un elemento piuttosto consueto ma ciò che oggi stupisce è la frequenza di fenomeni intensi a carattere locale come i groppi temporaleschi, in sviluppo e movimento assai rapido, che si sviluppano in condizioni meteo marine generalmente maneggevoli. Questo è un fattore che può sorprendere molti.

Forecasting and Nowcasting

Le due tecniche di monitoraggio meteorologico viaggiano in parallelo e si integrano costantemente. Le previsioni dei modelli e dei bollettini indicano le condizioni meteo marine attese su una determinata zona di mare nelle prossime 6/12/24/48 ore, fino a 5 giorni. Invece il nowcasting punta, attraverso le immagini satellitari, il radar, il lightning detector e le osservazioni, ad individuare e seguire lo sviluppo, lo spostamento e l’intensità del fenomeno temporalesco. Nel Mediterraneo, specie quando il tempo è in evoluzione, resta azzardato andare oltre i 5 giorni di tendenza.

Peschereccio – Photo by Wim van’t Einde

Weather Warnings e sistemi di comunicazione

Esistono oggi più tecnologie e sistemi per poter seguire una linea temporalesca nel suo sviluppo e spostamento. Il navigante che ha la possibilità di connettersi ad internet può effettuare un monitoraggio meteo nella propria area, specie se si trova in rada all’ancoraggio e anche se i bollettini e i modelli non sono così chiari nell’indicare un rischio di temporali.

Ciò su cui si concentrano i centri e le società di servizi meteo è sullo sviluppo, per essere in grado di trasmettere gli avvisi di criticità in funzione della posizione delle unità e dello spostamento dei sistemi. Le tecnologie non mancano e ciò può contribuire a mitigare il rischio che, come accaduto sulle coste della Corsica lo scorso 18 agosto, le imbarcazioni siano sorprese dalla violenza del fenomeno.

La stagionalità del tempo

Consultare le tabelle climatologiche o le “pilot charts” per determinare quali condizioni siano statisticamente più frequenti in un determinato periodo dell’anno evidenzia spesso delle marcate differenze rispetto all’evoluzione meteo che stiamo osservando. Le temperature dell’aria e quelle superficiali del mare, i venti prevalenti, la frequenza delle burrasche e il moto ondoso si discostano frequentemente e nettamente da quanto l’esperienza di anni ci aveva insegnato.

Per certi versi è come se le stagioni sconfinassero sul calendario meteorologico una sull’altra. Ad esempio, sui nostri mari l’autunno è il periodo del passaggio delle estese perturbazioni provenienti dall’Oceano Atlantico e del rischio di mareggiate e precipitazioni, mentre invece si presenta con prolungati periodi anticiclonici o maree barometriche a debolissimo gradiente.

Lampi – Credit: Raychel Sanner

Training e conoscenza

Tutti coloro che navigano per diporto o per professione e che operano nell’ambito dell’industria marittima seguono, con diversi livelli di approfondimento, il tema della meteorologia marina e dell’oceanografia. Questo capitolo è parte integrante della formazione e preparazione alla navigazione. Tutto il resto si impara a bordo.

La manualistica classica si è focalizzata sulla comprensione dell’evoluzione del tempo sulla base delle teorie e delle moderne tecniche. L’evoluzione di queste ultime, che mettono a disposizione di ognuno più strumenti e informazioni, e la necessità di reagire e decidere in funzione delle criticità meteo, ha portato i diversi centri di formazione per la navigazione ad aggiornare la propria proposta formativa con dei moduli “meteo pratici”.

Navimeteo collabora con l’Accademia della Marina Mercantile e con La Belle Classe Academy dello Yacht Club di Monaco, oltre che con altri centri di formazione e scuole di mare, con la finalità di condividere quanto appreso nella quotidianità operativa dei servizi marittimi e a complemento dello studio dei principi e delle tecniche per la comprensione del tempo sul mare.

L’acquisizione del metodo e la conoscenza dell’utilità e dei limiti dell’informazione meteo sono temi accessibili a tutti attraverso la partecipazione agli incontri e ai corsi pratici. La priorità è la sicurezza dell’andar per mare. Le statistiche indicano che il 30% degli incidenti di navigazione è dovuto alle situazioni di cattivo tempo e la conoscenza del meteo va quindi considerata una vera e propria “dotazione” di bordo.

MONACO WEATHER LAB – Weather Training

 

Fonte video: Portoferraio, Isola d’Elba – Credit: Marco Mensa

 

Gianfranco Meggiorin

Argomenti:

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Meteo pratico

Barche a motore plananti e la rotta meteorologica

Il principio che la velocità sia un fattore di sicurezza della navigazione a motore resta valido purché si consideri che la velocità stessa impone, a bordo di un motoryacht, una più accurata valutazione delle condizioni meteo in navigazione e anche in manovra o in caso di scarsa visibilità

Meteo pratico

La comprensione dei modelli meteorologici

Per una previsione meteorologica a lungo termine l'unico strumento è la consultazione dei modelli matematici, complessi programmi di calcolo che descrivono l'evoluzione dei vari parametri fisici dell'atmosfera e degli oceani fino ad un determinato numero di giorni

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione