Capire le onde del mare

Comprendere il moto ondoso e la sua terminologia

Parliamo di onde in modo sintetico e semplificato, partendo dalla loro descrizione e soffermandoci su alcune caratteristiche del moto ondoso dei nostri mari. Innanzitutto impariamo la terminologia essenziale e a cosa si riferiscono le descrizioni presenti nei bollettini o relative ai modelli meteorologici.

Le caratteristiche dell’onda

H: altezza, distanza verticale tra il cavo e la cresta.

L: lunghezza tra due creste.

T: periodo, tempo in secondi tra il passaggio di due creste consecutive.

D: direzione di provenienza delle onde.

R: ripidità, rapporto tra H e L.

V: velocità di spostamento, spazio percorso in una data unità di tempo.

Ricordate che visto che le onde sono generate principalmente dal vento:

  • l’attenta osservazione del moto ondoso può dare preziosissime indicazioni sul vento che l’ha generato.
  • il moto ondoso può propagarsi più velocemente e più lontano di quanto non possa fare il vento che l’ha generato.
  • se l’onda lunga di un vento lontano si fa più corta e più alta è probabile che quel vento stia rinforzando oppure che la zona del vento in atto si avvicini.

Credit: NOAA

Consigli utili

  1. Quando il vento soffia dal largo verso la costa, il moto ondoso genera spesso risacca nel porto. Gli ormeggi si tendono e strattonano, pertanto le cime d’ormeggio vanno ben regolate e l’imbarcazione va tenuta più distanziata dal molo.
  2. Quando la risacca è forte, anche stare a bordo in porto diventa problematico. Trovarsi in questa situazione in un approdo turistico, durante la stagione di maggior affluenza, fa davvero rimpiangere il mare aperto o un buon ancoraggio in una rada meglio protetta.
  3. Consultate con attenzione il portolano e verificate le caratteristiche dei fondali e della costa rispetto al moto ondoso previsto.
  4. A meno che non si tratti di un porto davvero ben ridossato, in caso di peggioramento dello stato del mare, prevedete di poter eventualmente lasciare il vostro ormeggio se la risacca dovesse diventare insostenibile.

Credit: Craig Cameron

Le caratteristiche del moto ondoso

I fattori principali che determinano il moto ondoso sono:

  • la forza, la direzione del vento e la durata della sua azione sul mare.
  • il fetch, ovvero la distanza di mare libero che un’onda può percorrere senza incontrare ostacoli.
  • la corrente. Se è contraria rispetto alla direzione delle onde generate dal vento, determina onde più alte, più ripide e più corte.
  • la profondità dei fondali. Le onde si frangono più facilmente dove i fondali sono più bassi. Questo è un fattore decisivo per la sicurezza nell’avvicinamento ad una costa o per l’entrata in un approdo. L’onda risente in modo sensibile dell’abbassamento del fondale quando la profondità diventa inferiore alla metà della lunghezza dell’onda.

Importante!

È evidente che bisogna tener conto delle caratteristiche dei fondali costieri in relazione allo stato del mare e alla direzione delle onde. Il mare lungo ben formato al largo non rappresenta generalmente un problema per la navigazione ma può diventare insidioso e frangente in prossimità di una costa con bassi fondali o di una costa a picco, dove l’onda riflessa può causare un moto ondoso caotico e difficile. Pertanto un buon navigante, nel determinare la rotta, deve considerare sempre con attenzione anche i fondali della zona di navigazione e le caratteristiche dell’entrata dei porti e degli approdi.

Credit: Marcus Woodbridge

L’osservazione del moto ondoso

La stima dell’altezza delle onde in navigazione è condizionata spesso da un errore di prospettiva che le fa apparire più alte o più basse di quanto non siano in realtà. In particolare, esse appaiono più grandi nella fase di discesa da un’onda verso il cavo, quando da bordo si osserva l’onda successiva che ci viene incontro. Succede così di stimare onde di tre metri, quando in realtà queste non raggiungono neppure i due metri. Inoltre, in condizioni di mare mosso o molto mosso, le onde non hanno una cadenza regolare, poiché onde più alte si alternano ad una serie di onde decisamente più basse. Si parla, allora, di “treni di onde“, dove la prima onda della serie non è mai la più alta o insidiosa.

Credit: Axel Antas Bergkvist

La Scala Douglas dello stato del “mare vivo”

Il termine “mare vivo” significa che le onde sono generate direttamente dal vento nella zona in cui sta soffiando.

Altezza delle onde in metri Termine descrittivo del mare Mer (francese) Sea (inglese)
0 0 Calmo Calme (sans rides) Calm (glassy)
1 0 – 0,10 Quasi calmo Calme (ridée) Calm (rippled)
2 0,10 – 0,50 Poco mosso Belle (vaguellettes) Smooth (wavelets)
3 0,50 – 1,25 Mosso Peu agitée Slight
4 1,25 – 2,50 Molto mosso Agitée Moderate
5 2,50 – 4 Agitato Forte Rough
6 4 – 6 Molto agitato Très forte Very rough
7 6 – 9 Grosso Grosse High
8 9 -14 Molto grosso Très grosse Very high
9 Oltre 14 Tempestoso Enorme Phenomenal

 

Gianfranco Meggiorin

Argomenti:

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Meteo pratico

Barche a motore plananti e la rotta meteorologica

Il principio che la velocità sia un fattore di sicurezza della navigazione a motore resta valido purché si consideri che la velocità stessa impone, a bordo di un motoryacht, una più accurata valutazione delle condizioni meteo in navigazione e anche in manovra o in caso di scarsa visibilità

Meteo pratico

La comprensione dei modelli meteorologici

Per una previsione meteorologica a lungo termine l'unico strumento è la consultazione dei modelli matematici, complessi programmi di calcolo che descrivono l'evoluzione dei vari parametri fisici dell'atmosfera e degli oceani fino ad un determinato numero di giorni

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione