Ansaldo e la tradizione cantieristica genovese

La nascita di Ansaldo e della sua attività cantieristica navale raccontata dalle fotografie di Fondazione Ansaldo

Genova vanta una lunga tradizione nella grande cantieristica grazie anche a realtà come Ansaldo, che nacque nel 1853 con il nome di Gio Ansaldo & Co, per volontà di un gruppo di soci fondatori, tra cui l’ingegnere meccanico e docente universitario Giovanni Ansaldo, il banchiere Carlo Bombrini, il finanziere Giacomo Filippo Penco e l’armatore Raffaele Rubattino.

Inizialmente Ansaldo non produceva navi bensì locomotive a vapore e materiale per rotabili. La società nacque sulle macerie dello stabilimento della Taylor & Prandi, dove oggi sorge il centro commerciale La Fiumara di Genova. Iniziò la produzione di apparati motori e nel 1866 venne costruito il motore per la “Regio Avviso Vedetta”, la prima nave costruita con scafo in ferro. Si trattava di un motore da 661 cavalli che all’epoca era uno dei più potenti al mondo.

Successivamente si iniziarono a produrre le prime componenti destinate al comparto navale e negli anni ‘70 del 1800 Ansaldo iniziò a produrre piccole imbarcazioni, costruendone anche lo scafo. Verso la fine dell’Ottocento ebbe così ufficialmente l’inizio la cantieristica navale Ansaldo

Nel 1886 acquistò i cantieri Cadenaccio a Sestri Ponente, dove trasferì il suo stabilimento meccanico inaugurando così la stagione delle navi a vapore con gli scafi in ferro. Gli scafi venivano varati a nudo prima nel Cantiere Navale di Sestri Ponente e successivamente allestiti nell’officina allestimento navi che si trovava nella zona del porto.

Nel 1902, quando il controllo dell’azienda passò a Ferdinando Maria Perrone, l’attività cantieristica venne orientata alla produzione militare. Vennero costruiti gli incrociatori corazzati classe “Garibaldi” venduti ad Argentina, Giappone e Spagna. La nave spagnola venne battezzata Cristobal Colon (1900), le quattro unità argentine vennero chiamate Garibaldi, San Martin, Belgrano e Pueyrredon e le due unità giapponesi vennero battezzate Kasuga e Nisshin.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione