Flaggin out: cos’è e cosa si rischia

Il "flaggin out" consiste nell’iscrizione in registri navali esteri delle imbarcazioni da diporto da parte degli armatori per abbattere i costi complessivi di gestione

15 September 2022 | di Stefano Comisi

In Liguria la Guardia di Finanza ha scoperto nei giorni scorsi oltre 60 yacht di lusso battenti bandiera straniera ma di proprietà di cittadini italiani, che non erano stati dichiarati all’Agenzia delle Entrate. Non avendo adempiuto agli obblighi dichiarativi di legge, gli yacht, il cui valore complessivo stimato si aggira intorno ai 18 milioni di euro, erano sostanzialmente imbarcazioni “fantasma” agli occhi del Fisco italiano. Tale fenomeno è conosciuto come “flaggin out“, ossia l’iscrizione in registri navali esteri delle imbarcazioni da diporto da parte degli armatori, per abbattere i costi complessivi di gestione.

Un fenomeno piuttosto diffuso visto che sono già state numerose le segnalazioni alle autorità competenti di imbarcazioni non dichiarate all’Agenzia delle Entrate, immatricolate in Paesi con regimi fiscali agevolati, come, ad esempio, le Isole Vergini, Panama, Belgio e Malta (quindi non esclusivamente extra Ue). Per i contribuenti italiani proprietari degli yacht segnalati durante l’ultima operazione della Guardia di Finanza sono scattate le relative procedure amministrative per il recupero delle imposte non versate.

L’ordinamento italiano, infatti, prevede una serie di obblighi dichiarativi in capo agli armatori di navi da diporto battenti bandiera straniera. I proprietari di tali imbarcazioni iscritte in registri non italiani devono sottoporre tali beni al monitoraggio fiscale (d.l. 28 giugno 1990, n. 167), di cui al quadro RW della dichiarazione dei redditi, in quanto assimilate, ai fini fiscali, agli investimenti e ai patrimoni detenuti all’estero, suscettibili di produrre reddito imponibile. In altre parole, possedere un’imbarcazione registrata, per esempio, a Panama, agli occhi del legislatore tributario equivale a mantenere un conto corrente, azioni o una società in un paradiso fiscale.

 

Stefano Comisi

Studio Armella & Associati

Argomenti:

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione