Daniel Adamson: lo storico battello costato 1 sterlina torna di nuovo a splendere

Un capitano di Liverpool ha vinto la medaglia della Marina Mercantile per aver riportato alla luce uno storico battello a vapore pagato soltanto 1 sterlina

14 September 2022 | di Valerio Caccavale

Il capitano Dan Cross ha impiegato quasi 12 anni di lavoro per riportare alla luce un battello a vapore davvero unico nel suo genere. Sebbene questa storica barca inglese fosse rimasta per diverso tempo in pessime condizioni, il capitano, originario di Liverpool, ha deciso di prendersene cura restaurandola da cima a fondo. D’altronde, per acquistarla ed evitare così che fosse rottamata, bastava soltanto 1 sterlina.

Dopo aver riunito una squadra di 100 volontari, compresi alcuni giovani apprendisti marinai, il capitano Dan Cross è riuscito nell’impresa di riportare il Daniel Adamson al suo antico splendore. La ristrutturazione si è basata fedelmente sul precedente aspetto del battello, in pieno stile Art Decò.

Come riconoscimento per questa importante iniziativa, Dan ha ricevuto la medaglia della Marina Mercantile. Un prestigioso premio che viene assegnato solo per contributi significativi all’industria marittima.

La storia del Daniel Adamson

Nel corso degli anni il Daniel Adamson ha compiuto svariati viaggi fino ad arrivare ai giorni nostri. La sua storia ha origine agli inizi del 1900, per la precisione nel 1903. In quell’anno la nave, battezzata con il nome Ralph Brocklebank, salpò per la prima volta lungo il Manchester Ship Canal. A quel tempo l’era del vapore si era da tempo consolidata, soprattutto in Inghilterra, nell’ambito del trasporto marittimo. Il Ralph Brocklebank era utilizzato per trainare lunghe serie di chiatte cariche di merci dalla contea del Cheshire fino al grande porto marittimo di Liverpool.

Durante le sue traversate, il Ralph Brocklebank ha avuto l’onore di trasportare alcuni personaggi di rilievo che dovevano raggiungere la città di Liverpool. Si dice infatti che a bordo della nave siano saliti il re d’Egitto e il principe George di Danimarca. Durante la prima guerra mondiale, è stato impiegato anche dalla Royal Navy come pattugliatore lungo il fiume Mersey e lungo le zone costiere.

Dopo la guerra, tuttavia, il traffico dei canali diminuì. Nel 1936 il “Ralph Brocklebank” fu sottoposto ad un refit completo e il suo nome cambiò in quello del padre fondatore del canale, Daniel Adamson. Dopo oltre 80 anni di navigazione, la barca, conosciuta anche come The Danny, rimase per diverso tempo in un museo. Nel 2004, pochi giorni prima della demolizione, il capitano Dan Cross ha accettato la sfida e ha riportato il Danny al pieno funzionamento. Nel maggio 2016 il battello è tornato così in servizio proprio come 100 anni fa, navigando nell’Inghilterra nord-occidentale e regalando un’esperienza indimenticabile a tutti i passeggeri.

 

Fonte foto: The Danny

 

 

Argomenti: ,

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

L’incredibile storia di “McDonald”, le tre vite di un panfilo

  • 4 February 2013

“McDonald” è un panfilo degli anni ’30, nasce come yacht di lusso, diventa poi una barca ausiliaria e negli anni ’70 viene adibito a covo per contrabbandieri. Attualmente il panfilo ha nuova vita sulla terra ferma, all’interno dell’Antica Compagnia della Vela di Ameglia e la sua storia merita di essere raccontata.

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione