Il Codice della navigazione compie 80 anni: passato, presente e futuro

Nell’80° anniversario della data dell’entrata in vigore, si è svolto a Roma il convegno “1942-2022. Gli ottant’anni del Codice della navigazione: passato, presente e futuro”

26 April 2022 | di Giuseppe Orrù

Nella ricorrenza esatta dell’80° anniversario dalla data della sua entrata in vigore, il 21 aprile scorso si è svolto alla facoltà di Giurisprudenza della Sapienza Università di Roma il convegno “1942-2022. Gli ottant’anni del Codice della navigazione: passato, presente e futuro”.

È stata la giornata inaugurale di una serie di eventi e approfondimenti tematici dedicati a questo strumento normativo del mondo marittimo e aereo italiano, che abbracceranno l’intero anno 2022.

L’iniziativa, nata da un’idea dal Comando generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, si è potuta realizzare grazie alla stretta sinergia con il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile e le Cattedre di Diritto della Navigazione delle Università “Sapienza” di Roma, dell’Università di Cagliari e di Udine.

Nella giornata inaugurale, alla quale hanno preso parte i massimi esponenti del cluster marittimo-portuale e aereo nazionale e rappresentanti delle magistrature superiori sia ordinaria che amministrativa, nonché l’Avvocato generale dello Stato, il Comandante generale ha avuto modo di evidenziare come, “a distanza di 80 anni dalla sua promulgazione, il Codice della navigazione continua a rappresentare uno strumento fondamentale per gli operatori, pubblici e privati, di un comparto sempre più determinante per l’economia del Paese“.

Numerosi i temi toccati sia dagli operatori del settore, che, ancor più approfonditamente, dai professori Tullio, Antonini e Zunarelli: dall’attuale dimensione globale delle esigenze trasportistiche e logistiche del cluster marittimo, alle necessarie implicazioni di sicurezza, ambientali e di sostenibilità della navigazione in sè, come fenomeno tecnico, e del trasporto marittimo, quale fatto commerciale; dalla necessità di competitività del settore quale fattore essenziale di ripresa e resilienza del Paese, alle sfide poste dalle nuove tecnologie (la navigazione dei mezzi autonomi) e dalle nuove frontiere del trasporto aereo (gli spazi suborbitali e il diritto “cosmico”).

Tutti temi che pongono alle istituzioni di riferimento della “funzione marittima italiana”, agli studiosi del settore ed agli stakeholders la necessità di confrontarsi su quanto ha rappresentato il codice in questi 80 anni e su come esso possa continuare a rappresentare, con le opportune e mirate modifiche e integrazioni, quel compendio di norme unitario, organico, dinamico ed efficace anche per gli anni a venire.

Le conclusioni sono state affidate all’intervento del ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini che, pur prendendo atto delle legittime aspettative di revisione generale del codice da parte degli operatori del settore, ha sottolineato l’esigenza di definire anzitutto un metodo di lavoro che, partendo dalla individuazione dei bisogni più urgenti e concreti, consenta di individuare soluzioni adeguate per una riforma che duri nel tempo e consenta al Codice di rimanere al passo con i tempi e con le mutate esigenze.

E proprio nel segno di tali indicazioni, nella prospettiva voluta dagli organizzatori, alla giornata inaugurale di Roma seguiranno altri due convegni di approfondimento tematico: il primo a Cagliari, il 9 giugno, dedicato all’ “Ordinamento amministrativo della navigazione marittima”, e un secondo a Trieste, dedicato ai “Contratti di utilizzazione della nave e dell’aeromobile”.

A questi seguirà, infine, un momento di sintesi e di proposizione dei risultati che le varie giornate di studio avranno prodotto nell’ambito di un evento conclusivo in programma il 18 novembre, nuovamente a Roma, in quella che dovrebbe essere una sede istituzionale di livello parlamentare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2022 Daily Nautica - Ogni giorno, un mare di notizie.
Registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione